Riviste

25 APRILE FESTA DELLA LIBERAZIONE

AddThis Social Bookmark Button

liberazione_5.jpg - 208.50 KbRipercorriamone la storia. Tutto ha origine nell’epopea del Risorgimento che mette insieme idealisti come Mazzini, menti geniali e pragmatiche come quella del Conte Cavour e l’ardore e la temerarietà dell’ Eroe dei due mondi Giuseppe Garibaldi. Il cuore del nostro risorgimento è a Torino dove scende nella lotta una casata prestigiosa, i Savoia, impersonata allora da Vittorio Emanuele II. Tutti ricordano i successi a Curtatone, Montanara, Magenta contro gli austriaci, la spedizione dei Mille, splendidamente portata a termine da uomini del calibro dello stesso Garibaldi e Bixio, l’icontro a Teano tra la più famosa delle camicie rosse ed il Re in cui Garibaldi affida tutti i territori conquistati in tante battaglie ai Savoia a seguito della Breccia di Porta Pia, nel 1961 l’Italia diviene Stato unitario. Dopo una quarantina d’anni l’Italia è coinvolta

 nella prima Guerra mondiale e ne risulta vincitrice. A questa segue il ventennio mussoliniano che dal 1939 al 1945 trascina l’Italia nel secondo conflitto mondiale a fianco dapprima dei nazisti e poi, dopo l’armistizio badogliano del ’43, insieme agli inglesi e americani . Concluso il conflitto gli italiani, con un referendum del 1946, scelgono la repubblica. Dopo soli due anni, nel 1948, le forze che avevano preso parte alla Resistenza contro fascismo e nazismo, sotto il controllo degli statunitensi, danno vita alla Costituzione, un documento che anche attualmente regola e disciplina il vivere della società civile. Si riformano i partiti e il Parlamento ritorna al centro dell’attività politica. L’Italia del dopoguerra è ridotta a un cumulo di macerie, ma il primo presidente del consiglio Alcide De Gasperi la porta pian piano alla prosperità ed al benessere degli anni ‘60, il periodo del “boom” economico travolgente. In questi anni e fino all’inizio degli anni ‘90” è la Democrazia Cristiana, da sola o alleata con altri partiti, a tessere i fili della politica e a governare il Paese e l’ Italia può contare sull’apporto di uomini politici come Andreotti, Fanfani, Moro, Forlani, Berlinguer, Nenni, Almirante, Berlusconi,Monti, Letta e oggi Renzi.

Gianni Monaco

Chi è Online

 23 visitatori online